Zanzare: bye, bye con il rosmarino di palude. Provare per credere!

Zanzare: bye, bye con il rosmarino di palude. Provare per credere!

Le zanzare sono il fastidio delle nostre estati: contrastiamo le loro punture con zampironi, creme, apparecchi ad ultrasuoni, lozioni repellenti… Pochi, però, sanno che i francesi, impegnati in Africa in opere di ingegneria e di urbanizzazione, hanno in qualche modo risolto il problema da tempo. Infatti, i loro gruppi di lavoro ad alta specializzazione, per evitare la malaria, assumevano regolarmente dei farmaci antimalarici il cui uso però non poteva essere protratto per più di tre-quattro mesi al massimo, a causa della loro tossicità. Questa limitazione creava dunque non pochi problemi logistici per il ricambio del personale specializzato.

dott. Marco Tortorici

Venne trovato così un espediente che risolse la problematica: il Ledum palustre, ovvero il rosmarino di palude, in granuli omeopatici. Questo rimedio, assunto quattro volte al giorno, è capace di cambiare l’odore della traspirazione cutanea, rendendo non più attaccabili le persone dalle zanzare. La variazione dell’odore, tuttavia, non viene avvertito dalle persone.
Ecco così che alle nostre latitudini assumere regolarmente, per tutto il periodo estivo, il Ledum palustre risolverà definitivamente il problema, senza che il prodotto abbia alcun effetto collaterale. Lo stesso rimedio omeopatico può essere infatti utilizzato da lattanti, donne in stato interessante e persone anziane. Provare per credere.

Info: dott. Marco Tortorici, esperti in omeopatia dal 1985. Tel. 06 6858 6674

administrator

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.